Acranch.it non è più disponibile qui. Prova invece ac-ranch.com.

Avventure a cavallo alla scoperta dell'Italia più autentica

L'Italia è al centro dei flussi turistici mondiali: secondo la UNWTO, la World Tourist Organization, il nostro paese è quinto nella speciale top ten delle nazioni più visitate. Non sfuggirà a nessuno, tuttavia, che maggioranza dei viaggiatori si limitano a toccare brevemente le nostre città d'arte e le grandi città servite da un aeroporto internazionale, per poi ripartire dopo pochi giorni.

In questo modo si perde di vista la natura autentica dell'Italia: circa 20 milioni di ettari di superficie del suo territorio sono occupati da colline e campagne, lontane da grandi centri abitati. È un bacino potenzialmente tutto da esplorare come nell'antichità: a cavallo.

Il turismo a cavallo sta vivendo un momento di grande successo, probabilmente legato al boom del "vivere lento": spostarsi al ritmo dell'animale obbliga a non spossarlo, e di conseguenza porta a fruire in maniera più completa il paesaggio attorno a sé con tutto quello che ha da offrire. Lo stesso sito ufficiale della nostra nazione promuove questa tendenza, consigliando per esempio l'esplorazione delle Madonie spostandosi sui cavalli indigeni siciliani, più piccoli di quelli comuni e più docili. Oppure il viaggio a cavallo attraverso le Murge, fra Matera - patrimonio Unesco - e Bari.

Le possibilità sono davvero tante: nel 2005 Massimo Peresson e Barbara Essl hanno provato a fare un conteggio di quanto percorso nella loro esplorazione della penisola, arrivando al totale di 2400 km: una cifra impressionante che si riflette nella quantità di proposte di viaggio in sella e soggiorno - di solito in masserie lungo la strada, trasformate in bed & breakfast o ecoalberghi. È una delle possibilità se si cercano soluzioni con EcoBnb, ma anche grandi realtà come Touring Club Italiano o Fiera Cavalli che segnalano regolarmente questo genere di esplorazioni.